Tra passato e presente, nella splendida Palermo

L’edificio in cui prende vita il progetto è una palazzina degli anni Cinquanta nelle immediate vicinanze del Giardino della Zisa. Quest’area verde, di fronte all’omonimo palazzo, è costellata di vasche d’acqua, percorsi pedonali immersi nella vegetazione della macchia mediterranea e dodici “dammusi” oggi ristrutturati. 

LOCATION:
Palermo, Italia

YEAR
2024

Scelte di design

L’appartamento oggetto di ristrutturazione, sospeso tra il classico e il contemporaneo, è stato ammodernato senza snaturarne l’essenza e le suggestioni del passato. 
Sono state scelte due tipologie di porte della collezione Vivace con coprifilo telescopico: il modello 193 in finitura laccato opaco bianco Pivato, con pantografatura Iris e il modello 3400 in vetro acidato e finitura Laccato opaco bianco Pivato.

LA COLLEZIONE VIVACE DI PIVATO
Le porte selezionate per questo progetto appartengono alla collezione Vivace, dalle linee minimal ed eleganti e funzionalità definita dal coprifilo telescopico, con complanarità perfetta sul lato interno stanza.

Linea Legno
Stile: Pantografata Iris
Finitura: laccato opaco
Colore:  bianco Pivato
Modello: 193
Collezione: Vivace

— Linea Legno
Stile: Listellari a vetro
Finitura:  laccato opaco
Colore: bianco Pivato
Modello: 3400
Collezione: Vivace

La città di Palermo (Italia)

Crocevia di culture e tradizioni, la città di Palermo brulica di monumenti, chiese e mercati, che testimoniano il suo passato ricco di incontri tra popoli. A partire dall’imponente Cattedrale, passando per il Palazzo dei Normanni e il Teatro Massimo, ogni angolo dei quattro quartieri (detti “mandamenti”) della città è un capolavoro in cui la storia incontra un ricco e animato tessuto sociale.
Non è solo la bellezza architettonica, tuttavia, a rendere Palermo un’importante meta turistica: il clima mite, il mare mozzafiato e la ricca tradizione culinaria attirano ogni anno visitatori da tutto il mondo.

CURIOSITÀ
A Palermo è custodito il documento cartaceo più antico d’Europa: la lettera bilingue greco-arabo di Adelasia degli Aleramici, moglie di Ruggero I, scritta dalla reggente normanna nel 1109.

Scopri
gli altri progetti

© Pivato srl. Tutti i diritti sono riservati. Privacy policy e Cookie policy. Whistleblowing.
Made by Memento Comunicazione